15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Yebda, un esordio incoraggiante. Aronica, una serata da dimenticare in fretta

4 Commenti


De Sanctis 5,5: Di parate solo una, di piede su Duplan. Poi si lascia inghiottire nella serata di sbando di alcuni suoi compagni. Demouge e van Wolfswinkel lo graziano con la porta completamente spalancata.
Santacroce 5: Gli errori sono i soliti, ma ha dalla sua l’attenuante di non avere il ritmo partita. Una nota di merito, ci mette sempre la gamba
Cannavaro 6: Capitano coraggioso in quella difesa che balla come un galeone nella tempesta. Un paio di pezze le mette, ma dimentica di mettere il piede sull’assist di Lavezzi, fotocopia di quello di domenica con il Bari.
Aronica 5: Mai visto così allo sbando, lui che fa della forza e della concentrazione la sua arma migliore. Quando dalle sue parti circola Duplan, lo stadio trema.
Zuniga 5,5: Soprattutto nel primo tempo è l’unico a provare la spinta, nel tentativo di rianimare un Napoli che boccheggiava in ogni reparto. Non riesce a correggere il suo solito difetto: gli piace troppo il ricamo.
Gargano 5: Senza spinta, poco controllo. Dava la sensazione di uno che si era appena svegliato, ben diverso dal mediano tutto grinta che tanto bene ha fatto finora nel Napoli.
Yebda 6: Inizio boom, poi un lungo periodo di assenza, fino alla seconda parte di gara che lo ha visto sugli scudi. In mezzo al campo ci mette muscoli e tecnica, anche se latita ancora l’affiatamento con i compagni. Esordio ok, può tornare molto utile.
Dossena 5,5: Non si è risparmiato, come sempre, ma stavolta aveva alle calcagna Cornelisse, con il raddoppio di Silberbaur. Insomma, ha potuto poco e Mazzarri gli ha risparmiato il finale in vista di Genova.
Lavezzi 5,5: Una mezza insufficienza, ma va detto che è stato l’unico a crederci fino alla fine, suonando la carica con una serie di accelerazioni e l’assist non sfruttato da Cannavaro. Tira, non benissimo ma almeno tira.
Sosa 5,5: Una bella partenza, qualche numero interessante, un paio di volte al tiro: all’inizio è stato l’uomo più brillante. Poi si è gradualmente spento, per carenza di ossigeno. Deve imparare a giocare anche per la squadra.
Cavani 5,5: Una serataccia. Chi era abituato al Matador infallibile, con l’Utrecht si è imbattuto in un calciatore distratto, sempre fuori dal gioco, che perdeva ogni contrasto. Ci può stare, purché la ripresa sia immediata.
Mazzarri 5,5: Purtroppo il Napoli non sta seguendo quelle che sono le sue direttive e la squadra, per la seconda volta consecutiva, ha dato la sensazione di non avere la capacità di trovare le contromisure all’avversario.
Hamsik 5,5: Entra rabbioso e subito vorrebbe spaccare il mondo. In effetti con lui in campo il Napoli riceve la scossa giusta, però non trova mai il varco giusto per inserirsi al tiro.
Maggio 5: Non ci siamo. In copertura non ha grande lavoro da svolgere per la copertura di Santacroce, in attacco fallisce un’ottima opportunità e devia un tiro di Cavani, forse destinato in porta.
Lucarelli sv: In mezzora, uno con il suo fisico, non sempre ha fortuna della giocata giusta. Si getta nella mischia e si ferma pure per un problema al ginocchio: il verdetto oggi dopo il consulto a Roma con il professor Mariani.

Indietro
Avanti