15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Rizzoli: Pazienza fuori e Papastathopoulos graziato

0 Commenti

ROMA, 26 ottobre – Sbaglia partita, pesi, misure e uniformità di giudizio l’internazionale Rizzoli: c’è l’espulsione di Pazienza sulla quale si può discutere e disquisire a lungo, c’è la non espulsione di Papastathopoulos ad inizio ripresa, ci sono una serie di decisioni (e di non decisioni) che hanno caratterizzato la sua serata. Non sempre i due assistenti, in particolar modo Maggiani, lo hanno aiutato a dovere.
PRIMO TEMPO – Scontro Antonini-Maggio: nessun fallo, ovviamente, Rizzoli interrompe il gioco. Non c’era l’off side di Ibra, servito da Pato: lo svedese è sulla linea di centrocampo, un metro oltre, dall’altra parte, c’è Grava, ‘perso’ dall’assistente Maggiani. Papastathopoulos su Gargano: giusta l’ammonizione. Pazienza tocca il pallone con la mano destra: corretto il giallo. Corpo a corpo Aronica-Ibrahimovic: Rizzoli li richiama due volte nel giro di pochi minuti, nella seconda perchè lo svedese si piazza davanti ad Aronica per ritardarne la battuta della punizione. Il difensore di Mazzarri batte comunque, Zlatan è sempre là, doveva essere ammonito. Gomito un po’ alto di Pato su Grava: da valutare la volontarietà. Robinho tocca il pallone con le mani e lo trattiene: manca il giallo. Giallo che arriva per Pazienza, ed è il secondo: molto fiscale e severo Rizzoli, siamo nella trequarti del Milan, dire che interrompe un’azione importante ed efficace è difficile. Un episodio che risulterà decisivo, soprattutto in chiave-ripresa.
SECONDO TEMPO – Papastathopoulos su Lavezzi: diretto sull’uomo, ma appena fuori area: ok la punizione al limite, manca però l’ammonizione per il greco (e sarebbe stata la seconda), stavolta il bolognese non è stato altrettanto fiscale. Ancora i due protagonisti un minuto dopo: comincia il Pocho (che tira la maglia), rifinisce il greco che spinge, siamo in area, Rizzoli lascia proseguire. Robinho allontana il pallone: ammonito. Lavezzi su Papastathopoulos sul 2-1: non c’è fallo. Grava su Ibra: da giallo. Aronica su Robinho, lo tocca appena sul petto, il brasiliano crolla a terra tenendosi il volto, poi arriva l’entrata decisa di Boateng su Aronica che scatena la rissa (c’è anche Nesta che spinge Grava). Pagano in diversi (anche l’incolpevole Campagnaro, unico a fare da paciere e ad evitare che qualcosa degenerasse), non Ibra, che si alza dalla panchina e arriva nella zona del misfatto, trattenuto a stento.

Indietro
Avanti