15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Riaffermare la legge del San Paolo

0 Commenti

Il campionato è giunto alla 9° giornata ed è ancora tutto da decifrare. Il vero volto dei reali rapporti di forza si cela dietro le sorprese in positivo e in negativo che hanno caratterizzato questo primo scorcio di stagione. La Lazio, dopo la scampata retrocessione dello scorso anno, è inaspettatamente in testa alla classifica. Il Milan pur essendo al momento terzo sembra zoppicare di tanto in tanto sia in termini di gioco espresso che di risultati. La Juventus, reduce dalla massiccia rifondazione dell’ultimo calcio mercato rappresenta ancora un rebus. Fin qui ha mostrato il meglio e il peggio di se stessa. La sensazione è che il reale valore della formazione bianconera sia nel mezzo ed è difficile dire fin dove possa arrivare. La Roma e il Palermo, insieme alla Fiorentina, sono le compagini che ad oggi hanno deluso maggiormente le aspettative, ma posseggono i mezzi per risalire abbastanza in fretta la china e il tempo per rimediare di certo non manca. L’ Inter sembra quella che garantisca maggiore continuità di risultati e il fatto che non occupi la testa della classifica è dovuto esclusivamente al sensazionale exploit della Lazio. L’attuale secondo posto dei nerazzurri sembra solo una situazione passeggera. Il Chievo fino a oggi si è spinto ben aldilà delle sue stesse più ottimistiche attese e le due genovesi appaiono come potenziali mine vaganti ancora difficilmente collocabili nelle gerarchie del campionato. All’interno di questo quadro alquanto incerto e suscettibile di sconvolgimenti il Napoli si attesta oggi al quarto posto insieme alla Juventus. La posizione occupata dagli azzurri può trovare molteplici chiavi di lettura. I 15 punti messi insieme dai ragazzi di Mazzarri sono il frutto di 4 vittorie di cui 3 in trasferta, 3 pareggi e 2 sconfitte entrambe maturate in casa. Alla luce di questi dati appare alquanto chiaro che il Napoli si esprime molto meglio lontano dal San Paolo e i motivi sono stati ampiamente acclarati da diversi esperti di calcio i quali sono concordi nell’affermare che Lavezzi&C hanno nelle loro corde la capacità di colpire l’avversario in velocità quando questo è costretto a fare la partita a differenza delle gare casalinghe in cui la squadra è chiamata a imporre il proprio gioco. Questa analisi è senz’altro quella più vicina alla realtà e tuttavia può essere letta in modo tale da potersi aspettare un futuro prossimo non avaro di soddisfazioni. Il tecnico partenopeo ha inculcato nella squadra la mentalità giusta che unite alle peculiarità tecniche dei propri uomini fa si che i campi esterni diventino terra di conquista. A questo punto l’obiettivo è riaffermare la legge del San Paolo. Con la continuità di risultati in trasferta ritrovare le vittorie in casa lancerebbe gli azzurri nell’elite del calcio italiano. Auspicarsi di ritrovare il Napoli che fino a poco tempo fa sbranava chiunque mettesse piede sul suo terreno di casa non sembra un’utopia. A quel punto inserirsi in una delle posizioni che contano non sarebbe impossibile. Come già detto, a parte l’ Inter, nessuno sembra irresistibile e al Napoli mazzarriano, tosto e granitico, non è fatto divieto provare a scalzare e lasciarsi alle spalle, alla fine, qualche illustre (se non illustrissimo) avversario. C’è da considerare inoltre che tra soli due mesi don Aurelio potrebbe regalare al suo allenatore qualche altra pedina di valore che contribuisca a rendere la scalata azzurra più agevole. Dunque, i presupposti per guardare al futuro con verosimile ottimismo non mancano. Questo Napoli corsaro sembra aver scordato solo un importante dettaglio: al San Paolo non si passa…a cominciare dal Parma.
Ciro Lanzillo

Indietro
Avanti