15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

CHI SALE E CHI SCENDE : Liverpool-Napoli

0 Commenti

L’illusione, il sogno. Ma niente da fare. Come da molti pronosticato il Napoli esce da Anfield Road con un pugno di mosche. Eppure i ragazzi di Walter Mazzarri per più di un’ora erano riusciti ad arginare gli attacchi del Liverpool ed in alcuni tratti del match anche ad imporre il proprio gioco. Straordinario il gol di Lavezzi, poi l’occasionissima di Maggio nella ripresa, ed infine il crollo. Ma il discorso qualificazione resta ancora aperto.
CHI SALE
EZEQUIEL LAVEZZI: ancora una volta il migliore in campo. Primo tempo di altissimo livello, da solo provoca non pochi grattacapi all’intera difesa del Liverpool. In occasione del gol bravissimo a dettare il passaggio a Cavani ed incredibilmente freddo nel trafiggere Reina. E’ ormai un vero trascinatore, un giocatore maturo. VOTO 9
PAOLO CANNAVARO: il suo rientro si è sentito eccome. Si mette sulle spalle l’intera difesa, non sbaglia praticamente nulla, puntuale sui palloni alti e tempestivo nelle chiusure palla a terra sugli inserimenti dei centrocampisti avversari. Muro invalicabile. VOTO 7,5
MICHELE PAZIENZA: è tornato sui livelli della passata stagione. Complice anche la squalifica in campionato, ha saputo presentarsi a Liverpool in ottimo stato di forma. Corre su tutti i palloni, tiene perfettamente la posizione e riesce in più di un’occasione a mettere i bastoni tra le ruote alla manovra avversaria. VOTO 7
CHI SCENDE
SALVATORE ARONICA: sin dalle prime battute si era avvertito che non sarebbe stata la sua partita. Forse patisce troppo l’impatto con l’affascinante impianto inglese, si mostra nervoso e poi lucido in più di un’occasione. Nella ripresa, poi, netto il fallaccio su Johnson che causa il definitivo crollo. VOTO 4,5
ANDREA DOSSENA: buonissimi inserimenti nella prima frazione di gioco, nella ripresa vanifica tutto con due errori imperdonabili frutto di troppa sufficienza. Primo e terzo gol sono sulla sua coscienza. E tutto questo sotto gli occhi di Prandelli. VOTO 5
WALTER MAZZARRI: gran parte di responsabilità della sconfitta, ci perdoni, è la sua. Non si può giustificare la mancanza dei cambi con la paura che il Liverpool, con l’entrata di Grava e Yebda, avrebbe schiacciato la sua squadra in area di rigore. Lavezzi e compagni erano stanchi ed i cambi, qualunque fossero, erano necessari. Speriamo sia più chiaro in futuro. VOTO 4,5
Francesco Biondi

Indietro
Avanti