15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

"Contro Corrente": Il Napoli 2 funziona

0 Commenti

Uno schiaffo alla malasorte, ai mugugni e ai pettegolezzi: il Napoli 2 funziona, regalando a Mazzarri altri tre punti che rafforzano il quarto posto in classifica, seppur in coabitazione con la Juventus.
Se a Liverpool il very strong era durato per poco più di un’ora, stavolta gli azzurri non hanno tradito le attese del presidente, offrendo una prestazione attenta e gagliarda, da squadra matura, per tutti i novanta minuti e oltre. E’ un Napoli quindi che gonfia il petto, orgoglioso, audace e forte, che si gode meritatamente i risultati raggiunti fin qui.
Dati importanti, che rimandano al mittente critiche e perplessità: gli azzurri sono imbattuti da sei turni, hanno ritrovato il sorriso tra le mura amiche e stazionano nella posizione più alta in graduatoria rispetto a tutte le altre compagini impegnate in Europa League.
E’ una squadra che sa dosare le forze, a dispetto di chi ne lamenta una certa pochezza in fatto di qualità e quantità: miglior attacco per gol segnati nei secondi tempi, è anche la squadra che ha raccolto più vittorie con in campo le seconde linee: sulle cinque totali, ben tre (Brescia, Cesena e Parma) sono arrivate con l’ausilio del turn-over.
Numeri di rilievo, che però non lasciano certezze se si ragiona in ottica futura. Dove vuole, o può, arrivare questo Napoli? Tutti aspettano Gennaio, un po’ per la riapertura del mercato, un po’ per vedere, prima della sosta natalizia, dove si troveranno gli azzurri tra campionato ed Europa League. De Laurentiis ha già annunciato che si lavorerà per portare a casa un difensore mancino, ma se l’andamento continuerà ad essere così incoraggiante, sembra ormai scontato che il presidente dovrà metter mano più volte al portafoglio.
Giochi di mercato, gli stessi che coinvolgono De Laurentiis e Mazzarri, convinti nella crescita di questa squadra ma lontani dall’idea di lasciar intendere a stampa e tifosi quali saranno le strategie da intraprendere. Quasi si divertono, di settimana in settimana, tra un’intervista e l’altra, a far ricadere le responsabilità di tali scelte sull’uno o sull’altro: un arcano mistero di cui però, presto, si conoscerà la verità.
Chiusa la parentesi fin troppo indefinita legata al mercato, è già tempo di nuovi esami. Il prossimo si chiama Cagliari, un cliente difficile che sente molto la sfida contro i partenopei. Una gara attesa quasi quanto un derby per i sardi, che negli ultimi anni hanno regalato parecchi dispiaceri in casa Napoli.
Ma i tabù si sa, sono fatti per essere infranti, e con i titolari Cannavaro, Dossena, Maggio, Lavezzi e Gargano pronti a riprendersi una maglia da titolare, tutto sarà possibile, anche espugnare il catino del Sant’Elia.
Francesco Auricchio

Indietro
Avanti