15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Auriemma:Adesso almeno due rinforzi di peso

1 Commento
Perdoniamo chi ha sospettato che questo Napoli fosse figlio di una politica economica tesa al risparmio. Va capito solo perché a Napoli negli anni addietro erano state più le volte delle disillusioni che quelle delle conquiste.

Ora, però, dobbiamo solo auspicare che tutti gli azzurri reggano al ritmo degli sforzi profusi e che gli acciacchi dei vari Campagnaro ed Aronica, siano solo parziali e rimediabili in fretta. Perché ciò che funziona di questo Napoli è il gruppo nel suo assieme. Una banda affiatata e cresciuta anno dopo anno, con tre fenomeni che fanno la differenza. Senza andare a scomodare antichi e roboanti paragoni, però anche all’epoca di Maradona il Napoli era composto da onesti gregari e qualche fuoriclasse.
Nel calcio italiano funziona così dovunque, tranne in quei due o tre club che possono permettersi il lusso di spendere anche più di quanto incassano. Allora anche la piazza partenopea dovrebbe cominciare a ragionare nel solco dei risultati di questa squadra apparentemente modesta e frutto di un corso societario ormai educato a rispettare i conti, senza però rinunciare ai fuoriclasse. L’acquisto di Cavani docet. Ma su questi risultati roboanti, ottenuti a dispetto dell’incedere di una gara ogni tre giorni, è molto probabile che il presidente De Laurentiis decida di anticipare a gennaio quanto aveva previsto di fare a giugno prossimo.
In condizioni normali, alla riapertura delle trattative dovrebbe arrivare solo un difensore di peso e dall’alto valore nel cartellino. Ma le “condizioni normali” si sono trasformate in “condizioni eccezionali”, tali da proiettare il Napoli stabilmente tra le prime formazioni della serie A. Non è più una sorpresa vederlo lassù, tanto da convincere la proprietà che le operazioni di rinforzo potranno essere più ampie prima ancora che si concluda la stagione. Magari è un po’ presto per dirlo, perché sono state vissute solo undici giornate di campionato e il meglio ancora deve essere vissuto. Le posizioni reali, i rapporti di forza effettivi verranno fuori da gennaio in avanti, quando ogni punto conterà molto di più. Non va dimenticato che la corsa Champions del Napoli nella passata stagione fu frenata nelle otto gare senza vittoria a cavallo tra gennaio e febbraio, molte delle quali condizionate da arbitraggi assai discutibili.
Il Napoli adesso è cresciuto come squadra, ma anche nella considerazione complessiva del Palazzo e se dovesse trovarsi ancora lassù nel periodo che conta, è probabile che i fischi non verranno emessi più in maniera sbagliata. Ora, però, godiamoci queste tre vittorie consecutive e senza prendere gol, auspicando che domenica a Roma contro la Lazio possa esserci un altro exploit di questo tipo. Arrivare alla sosta di dicembre galleggiando tra le varie posizioni di Champions, potrebbe voler dire una campagna acquisti di riparazione ad altissimo livello.

Indietro
Avanti