15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Convocazioni Italia: Aquilani e la novità Ledesma

0 Commenti

ROMA, 11 novembre – Ieri sera Prandelli era al Rigamonti di Brescia, per seguire dal vivo soprattutto Alberto Aquilani, che domenica prossima tornerà in azzurro 21 mesi dopo la sua ultima apparizione in nazionale (10 febbraio 2009, Italia-Brasile 0-2, ct Lippi), in vista dell’impegno di chiusura del 2010, mercoledì 17 in amichevole a Klagenfurt, contro la Romania (senza Mutu). Domenica scorsa invece Cesare era in tribuna a West Bromwich per vedere ‘live’ Balotelli. E buon per Mario che il ct azzurro aveva deciso di fare un salto in Inghilterra per verificare le condizioni del suo giovane pupillo, in predicato di tornare con l’Italia maggiore dopo il frettoloso assaggio ad agosto, a Londra contro la Costa d’Avorio. Proprio il fatto che Prandelli ha visto quello che è successo in campo, fin dall’inizio, con Balotelli ‘pettinato’ a dovere dagli avversari, e colpevole di una reazione nel finale, non certo violenta, ha consentito al ct di interpretare il codice di comportamento della squadra, che esclude convocazioni azzurre in caso di squalifica per espulsione (e il bomberino del City, due gol prima del rosso, ha beccato tre giornate), così da inserire il nome dell’ex interista nella sua prossima lista.
NIENTE CASSANO – Per un Balotelli che torna, un Cassano che esce anche dal giro prandelliano. Troppo clamorosa la rottura tra Antonio e la Samp per far finta di niente. E il ruolo centrale nel gioco offensivo azzurro del neo ct passerà proprio dall’uno all’altro. Contro la Romania vedremo un’Italia con due punte, Balotelli più un centravanti (tra Borriello, Gila, Pazzini, preferiti a Floccari, Amauri e Quagliarella). Dovrebbe trovare spazio poi anche Giuseppe Rossi, in gran forma (7 gol col Villarreal).
ALTRE NOVITA’ – Per il resto Prandelli allargherà ulteriormente il suo gruppo (fin qui 36 convocati e 15 deb), senza però trasformare questo appuntamento in un match sperimentale: il suo lavoro è solo all’inizio e oltretutto è saltato anche il confronto più probante, quello di Genova contro la Serbia. Detto questo il ct, pescando tra gli under, dovrebbe richiamare in nazionale Santon (altro suo predestinato), preferito a Schelotto e De Silvestri e naturalmente a Zambrotta, mentre arriverà la prima volta, annunciatissima, di Ranocchia. Resta da dire del centrocampo, dopo l’annunciato ritorno di Aquilani e l’indisponibilità di Montolivo. Qui la sorpresa grande potrebbe essere quella di Ledesma, da tempo seguito dal ct, insieme a Mauri, già promosso da Prandelli un mese fa. Spera anche Nocerino, restano in bilico Lazzari e Pepe. Resteranno fuori Balzaretti e Caracciolo, tra gli uomini più in forma del campionato, anche agli occhi del ct, che però ha, come detto, altri uomini in mente.
LA LISTA- Ecco i probabili convocati che si troveranno a Firenze, al Centro tecnico federale di Coverciano, lunedì prossimo entro le ore 12.
Portieri (3): Viviano, Sirigu, Mirante.
Difensori (8): Cassani, Santon, Bonucci, Chiellini, Bovo, Ranocchia, Antonelli, Criscito (Schelotto, De Silvestri, Gastaldello, Molinaro, Antonini).
Centrocampisti (7): Pirlo, De Rossi, Marchisio, Palombo, Mauri, Aquilani (uno tra Ledesma, Lazzari, Nocerino, Pepe). Attaccanti (5): Gilardino, Pazzini, Borriello, Balotelli, Rossi .

Indietro
Avanti