15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Laudisa: "Napoli su Fernandez, Ruiz e Britos"

0 Commenti

L’esperto di mercato della Gazzetta dello Sport, Carlo Laudisa, ha parlato dei possibili obiettivi del Napoli per gennaio nella puntata di Sport Show in diretta su Telecapri Sport: “Micheli è in giro in Argentina – ha spiegato Laudisa – e ha visionato Fernandez (foto), ventunenne dell’Estudiantes, difensore centrale, che non costa tanto e può far fare il salto di qualità; tra l’altro è seguito dal procuratore di Lavezzi. Si parla ancora di Britos, ma so che anche Ruiz manda segnali al Napoli, anche se l’Inter e la Juventus lo seguono e questo fa alzare il prezzo. Sta tornando di moda per l’attacco Traorè del Cluj, ha solo 20 anni e sarebbe un investimento per sostituire Lucarelli, ha grande forza fisica. Montolivo è difficile se non impossibile da prendere, non so neanche se Mazzarri vuole un giocatore simile. Tra Montolivo e la Fiorentina c’è molta tensione, c’è stato uno strappo dopo l’arrivo di D’Agostino, ma la dirigenza non vuole accontentarlo, preferisce tenerlo, soprattutto a gennaio”.
Sulla sconfitta del Napoli contro la Lazio: “La Lazio ha iniziato il campionato in modo strepitoso – ha spiegato Laudisa nel corso di Sport Show – ma era reduce da due sconfitte consecutive. In settimana aveva litigato con Zarate dopo averlo fatto giocare come esterno e l’ha dovuto schierare centravanti, creando un problema in più a Mazzarri. Il Napoli ha trovato un ostacolo molto difficile da superare e credo che prima di processare questa squadra ci vuole tempo. La Lazio è più forte del Napoli a centrocampo ma non in attacco, dove il Napoli ha preso Cavani, uno dei giocatori che ha spostato gli equilibri del campionato insieme a Ibrahimovic, facendo fare un salto di qualità non riuscito con Quagliarella. Fabio è partito quando il mercato era già chiuso, quindi quei 16 milioni entrati non potevano essere spesi bene in poche ore di mercato. Prendere un altro attaccante allora era impossibile. Hamsik, invece, non può essere più forte di Nedved, che era un fuoriclasse con la testa; è in una crisi di assestamento, sta maturando e deve essere seguito con attenzione”.
Napolimagazine

Indietro
Avanti