15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

IL MARZIANO INVIATO DA DIO…

1 Commento

Edinson Roberto Gomez Cavani, nato a Salto (Uruguay) il 14 Febbraio 1987, alto 1,84cm per 74 chili, queste sono le generalità del nuovo beniamino azzurro. Grazie ai suoi gol il Napoli ha l’ultima possibilità per passare la fase a gironi di Europa League. La sua tripletta, accompagnata da una prestazione maiuscola permette al Napoli di uscire imbattutto dallo stadio Galgenwaard di Utrecht , quindi i partenopei hanno la possibilità di affrontare al San Paolo lo Steaua Bucarest con un unico risultato: vincere! Però ora si profila per il Napoli un altro big match infatti arriva al San Paolo il Palermo. Il grande ex della partita è proprio lui “el matador” Cavani che contro la sua ex squadra vuol dare come fatto fin’ora un contributo importantissimo per la causa azzurra. Fin qui sono 15 le reti siglate dal matador in gare ufficiali, 9 in campionato e 6 in Europa compresi 2 nella doppia sfida con l’Elfsborg per la qualificazione alla fase a gironi. Dal suo arrivo al Napoli, suggellato dalle critiche per la partenza di Quagliarella, il matador azzurro è sempre entrato in campo con determinazione, forza, mani al cielo e palla in rete. El boquita, il ragazzino, suo nomignolo da piccolo, è entrato subito nei cuori dei tifosi azzurri che l’hanno sostenuto dal suo primo giorno a Napoli. La sua velocità e classe sopraffina, accompagnate da spirito di sacrificio e freddezza in zona gol sono le caratteristiche principali dell’attaccante azzurro che fin qui ha impressionato tutti. A Napoli sta trovando la sua consacrazione, ma soprattutto ha trovato la squadra ideale dove far valere  tutte le sue capacità. Il Napoli come già detto si è calato da subito nel clima campionato per la partita in notturna di lunedì 6 Dicembre e chissà che Cavani stia facendo le prove per il gol dell’…. “non diciamolo per scaramanzia”…Ma scaramanzia a parte, i partenopei dovranno cancellare tutte le distrazioni difensive viste ad Utrecht e ripartire dalla fase offensiva sperando in un apporto più decisivo da parte del pocho Lavezzi (decisivo solo per il rigore procurato) e Marek Hamsik. Bisognerà registrare anche la difesa per puntare a grandi traguardi e in attesa di rinforzi a Gennaio la squadra azzurra dovrà ripartire dai difensori che ha in casa. L’anima non manca a questa squadra, lo testimoniano le tante rimonte eseguite dai partenopei ma ora per confermarsi in campionato bisognerà essere grandi anche nel reparto difensivo.

Tommaso Bucciero

Indietro
Avanti