15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Utrecht-Napoli: i voti di Francesco Biondi

0 Commenti

Nel gelo d’Olanda il Napoli ottiene un preziosissimo punto che consente di sperare ancora nella qualificazione. Servirà vincere contro lo Steaua in un San Paolo che si preannuncia stracolmo e senza dubbio più caldo rispetto al terreno di gioco di Utrecht. Dove gli uomini di mister Mazzarri hanno giocato una gara a due facce, rischiando prima la sconfitta a causa di una difesa disastrosa, e andando poi vicini ai tre punti con un clamoroso palo nei minuti finali.
DE SANCTIS: un pò di leggerezza in occasione del primo gol, salva il risultato più volte nei secondi 45 minuti di gioco dimostrando ancora una volta la straordinaria affidabilità che offre il portiere ex Udinese e Siviglia. VOTO 7
GRAVA: forse un pò nervoso e contratto all’inizio, riesce pian piano a prendere le misure agli attaccanti avversari infondendo grinta all’intero reparto difensivo. Esce nella ripresa stremato. VOTO 6
CRIBARI: colpe sul primo gol in corresponsabilità con De Sanctis, disastroso in occasione del terzo gol, mostra diverse pecche atletiche e tattiche che non possono farne il sostituto ideale di capitan Cannavaro. VOTO 4,5
CAMPAGNARO: una prestazione senza infamia e senza lode per il roccioso difensore argentino. Nella ripresa sale di ritmo e alza il ponte levatoio che gli avanti olandesi proprio non riescono a superare. VOTO 6,5
ZUNIGA: impalpabile, soffre forse moltissimo la bassa temperatura e quindi non riesce proprio a mettersi in mostra. Si limita dunque ad un ruolo di copertura che, comunque, svolge più che dignitosamente. VOTO 5,5
GARGANO: grinta, corsa ma anche tanti errori per il piccolo sudamericano. Purtroppo non è adatto a compiti di impostazione e lo sapevamo ma qualche errore a centrocampo apre troppo spesso varchi per pericolosi contropiedi avversari. VOTO 5,5
YEBDA: cresce di partita in partita. E’ in tutte le zone del campo, recupera un’infinità di palloni e si fa notare anche in fase di impostazione. Speriamo che il direttore sportivo Bigon riesca a non farsi scappare il forte centrocampista algerino. VOTO 7,5
VITALE: sembrava dovesse finire nel calderone dei prestiti annuali ed invece a suon di prestazioni positive si sta guadagnando un ruolo da protagonista. Bravo in fase di spinta, preciso nei traversoni, un pò ingenuo in occasione del rigore avversario. Nel finale va anche vicinissimo al gol. VOTO 6,5
HAMSIK: si destreggia bene tra le righe, è lucido nel portare palla ma nella ripresa tarda troppo a concretizzare un contropiede che avrebbe portato prima al pareggio. E chissà poi come sarebbe andata. In netta ripresa. VOTO 6,5
LAVEZZI: il forte freddo ne condiziona la prestazione. Non riesce mai a cambiare ritmo nè a saltare l’uomo, nella ripresa (un pò più coperto) regala soltanto una serpentina che porta al rigore poi trasformato da Cavani. VOTO 5,5
CAVANI: senza parole. Tra nazionale, campionato e coppe è già arrivato a quota 20 reti. Segna di precisione, da opportunista e su rigore, è l’attaccante completo che il Napoli cercava dai tempi di Careca. VOTO 9
All. MAZZARRI: ha il merito di regalare ai suoi ragazzi la grinta necessaria per riacciuffare le gare apparentemente storte. Il pareggio di Utrecht è l’ennesima dimostrazione che, anche grazie a lui, i suoi ragazzi non muoiono mai. VOTO 7
di Francesco Biondi

Indietro
Avanti