15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Napoli-Palermo: Le pagelle di Tifonapoli

0 Commenti

Straordinario. Indomabile. E’ un Napoli incredibile quello che conferma la legge del San Paolo anche contro il Palermo offrendo una prestazione di altissimo livello ed ottenendo una vittoria mai in discussione. Non per il risultato, bensì per la prova dell’intera squadra agli ordini di Mazzarri che doma i rosanero e fortifica meritatamente il terzo posto in classifica.
DE SANCTIS: praticamente inoperoso per tutti i 95 minuti. Si fa vedere in qualche uscita sugli sporadici traversoni degli avversari ma gli attaccanti siciliani non gli scaldano mai i guantoni. In conclusione: uno spettatore non pagante. VOTO 6

GRAVA: torna il “Gravatar” tanto amato dal pubblico napoletano. Nel primo tempo annulla Miccoli che, al di là di una conclusione da fuori, offre una prestazione impalpabile. Nella ripresa, poi, se ne frega dell’ammonizione e dal suo lato proprio non si passa. VOTO 7,5
CANNAVARO: è il capitano, il vero leader di questa squadra. Sulle palle alte è il padrone, non subisce mai la pressione avversaria e svolge appieno il suo ruolo al centro della difesa. E’ decisamente una sicurezza. VOTO 6,5

ARONICA: viene sistemato da Mazzarri nel ruolo a lui più congeniale, quello di centrale difensivo di sinistra, e sfoggia una prestazione decisamente positiva. Bravo nelle chiusure, si fa notare anche per le uscite palla al piede senza mai esagerare. VOTO 6,5
MAGGIO: è una costante spina nel fianco della difesa del Palermo. Vince nettamente il duello con Balzaretti, mette spesso i brividi a Sirigu, si divora un’occasione al 90esimo ma all’ultimo secondo trova la zampata vincente, epilogo di una grande prestazione. VOTO 8
GARGANO: recupera tanti palloni, ma soprattutto non commette gli errori della scorsa settimana. Più lucido anche in fase di impostazione, ritorna padrone a centrocampo sovrastando in lungo e in largo i dirimpettai rosanero. VOTO 7

PAZIENZA: è incredibile la trasformazione che il centrocampista azzurro ha avuto dall’arrivo in panchina di Mazzarri. Fresco dopo aver riposato in Olanda, è praticamente in ogni zona del campo. Sarebbe assurdo se Prandelli lo tenesse in considerazione? VOTO 7
DOSSENA: nel primo tempo dialoga spesso e volentieri con Lavezzi e si fa notare, anche se con poca precisione, anche in fase conclusiva. Cala nella ripresa ma senza mai far mancare il suo prezioso apporto sul fronte sinistro. VOTO 6,5
HAMSIK: sarà anche vero quello che dicono di lui, e cioè che spesso si assenta dal match. Eppure, quando sale in cattedra, non ce n’è per nessuno. Assolutamente straordinario per precisione e qualità il passaggio da cui nasce l’azione del gol. VOTO 7
LAVEZZI: un altro pocho rispetto a quello di Utrecht. Qui a Napoli sembra trovarsi a suo agio e quando parte in velocità i difensori palermitani possono solo guardare il suo numero 22. Si divora un gol praticamente fatto, ma lì Sirigu è davvero strepitoso. VOTO 7,5

CAVANI: perchè le votazioni sono da 1 a 10? Non ci sono aggettivi per descrivere questo attaccante che sbroglia anche situazioni difensive, è tra i più pericolosi in avanti, lotta, corre da un polo all’altro del campo e fornisce l’assist decisivo a Maggio. Gli manca solo il gol per arrivare alla perfezione. VOTO 9,5
All. MAZZARRI: non sbaglia quando dice che sarebbe stato delittuoso se il Napoli non avesse superato il Palermo dopo una prestazione del genere. Non crediamo di sbagliare nel considerare gli azzurri tra le squadre da battere. Il mister non parla di Champions, ma siamo certi che da quel terzo posto farà di tutto per non scendere. VOTO 7
di Francesco Biondi

Indietro
Avanti