15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Preziosi: "Il Napoli la vera sorpresa. Lavezzi il rimpianto"

0 Commenti

«Non voglio fare pronostici. Non mi fate parlare della partita, sennò i miei tifosi dicono che penso sempre al Napoli». Presidente Preziosi, però sabato si gioca ed è già un bel risultato viste le minacce di sciopero. «Uno sciopero che nessuno in questi tempi avrebbe capito. Le rivendicazioni forse sono anche giuste nei meriti, ma è meglio non fermare il campionato». Un pronostico lo può fare allora? «Diciamo che sabato sarà la classica partita da tripla». Possibile, le due squadre sono perfettamente alla pari? «Il Napoli, con la Lazio, è la sorpresa del campionato. Noi abbiamo avuto un inizio bruttissimo, complici i tanti infortuni. Ora ci siamo ripresi, anche sabato abbiamo qualche defezione. Ma non voglio alibi. Dobbiamo scendere in campo per vincere». Il Napoli le piace quindi? «L’ho visto in tv con il Palermo. Ha ampiamente meritato la vittoria. Certo, poi il calcio è legato a episodi. E allora non fosse entrato Pinilla e non ci fossero stati quei 30 secondi in più ora staremmo a parlare di un’altra partita». Lavezzi si è fatto male e non verrà a Genova. «Ho visto l’infortunio. E quando è uscito dal campo non ho esultato. Non ho pensato: per fortuna non giocherà contro di noi. Ogni partita fa storia a sé e in campo ci devono essere sempre i migliori, i campioni». E il Pocho è un campione? «L’ho portato io in Italia. Gli sono legatissimo. Da allora è cresciuto tantissimo. Anche fisicamente. È diventato un grande». Ultimamente l’hanno accusato di dolce vita. «L’importante è non esagerare. Ho avuto tanti di quei giocatori che facevano tardi la notte che ora fatico anche a ricordarne il nome. Ha fatto bene De Laurentiis ad abbassare i toni». Può essere che a Genova sia sostituito da Dumitru, un 19enne. «Un suo impiego può essere solo un bene per il calcio italiano. Come ha fatto l’Inter con Natalino, che ha preso da noi. L’ho visto lunedì, il ragazzo ha numeri importanti, buone doti tecniche, è andato al tiro». Chi comprerebbe dal Napoli? «Ho visto Cavani, impressionante. È un ragazzo nato vecchio, sa sempre cosa fare. Mi ricorda Massimo Ranieri, da giovanissimo già con la faccia segnata, di chi sapeva cosa era la vita». Troppo facile… «Allora anche Hamsik è troppo facile. Destinato a fare una carriera importante». Quindi? «Quindi dico Gargano, inesauribile. E soprattutto Maggio, un treno. Uno dei giocatori che temevamo quando era alla Samp». Anche Mazzarri è stato doriano… «E infatti lo conosco bene. Non avrei potuto consigliare un allenatore più adatto a De Laurentiis. Merito suo se il Napoli è la sorpresa del campionato». Si parla tanto di mercato: Criscito a Napoli, Santacroce al Genoa. «Si parla tanto, ma alla fine io e De Laurentiis non facciamo mai affari. E io glielo dico sempre. Vendi e compri tanto ma mai con me. Può essere l’anno giusto»
Cristiano Tarsia per “Il Mattino”

Indietro
Avanti