15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Inler-Napoli, ci siamo

2 Commenti

NAPOLI, 4 gennaio – E’ un affare tra patron per cui so­lo loro, Giampaolo Pozzo ed Aurelio De Lau­rentiis, sanno come effettivamente stanno le cose che riguardano il passaggio di Gokhan Inler dall’Udinese al Napoli. Stanno a buon punto, trattativa probabilmente già traccia­ta a grandi linee, in fase molto avanzata, se è vero, come è vero, che oggi il procuratore del calciatore svizzero, Dino Lamberti sarà a Udine convocato proprio dal patron dei friulani. «Sì, domani (oggi -n.d. r.) sarò a Udine e ne saprò sicuramente di più di questa possibi­lità che Gokhan possa passare al Napoli. Fi­nora nessuno aveva prospet­tato a noi un’eventualità del genere. Ritengo comunque corretto che si parli prima tra società e poi si interpellino giocatore e procuratore. Suc­cessivamente dovremo fare le nostre valutazioni», ha af­fermato il manager di origini campane. Intanto, il centrocampi­sta, fulcro della nazionale svizzera, confermando la sua serietà e professionali­tà, nel corso della conferen­za stampa programmata dal club, non ha voluto commentare la voce di mercato, ribadendo di tro­varsi bene ad Udine:«Per ora mi voglio concentrare soltanto sulla sfida contro il Chievo. Dobbiamo vincere per migliorare la nostra classifica. Con il mio procurato­re parlo solo di calcio in generale e non di mercato» . E’ chiaro, però, che aspetta di conoscere quale sarà il suo futuro. Questo è il quarto campionato che disputa con la maglia del­l’Udinese (senza mai scendere al di sotto delle 33 presenze) e da tempo ha manifesta­to il desiderio di voler approdare in un club che nutre ambizioni diverse. Era sul punto di partire già in estate, immediatamente do­po il mondiale in Sud Africa, poi non se ne fece più nulla per la forte richiesta economi­ca dei Pozzo.
TEMPI MATURI – Stavolta, i tempi sembrano maturi perché l’affare vada in porto anche se resistono ancora diversi dettagli da lima­re: a) la valutazione data al calciatore dal­l’Udinese (intorno ai 15 milioni di euro); b) le modalità di pagamento (il Napoli intende dilazionare la cifra); c) i tempi del trasferi­mento (già a gennaio, oppure a giugno?); d) l’ingaggio e la durata del contratto. Ma quel­lo che si vuole, si può. E De Laurentiis sem­bra intenzionato a mettere a segno il colpo già in questa sessione di mercato, specie se il Napoli dovesse trovarsi a ridosso della pri­ma in classifica anche al giro di boa (cioè tra pochi giorni, dopo aver affrontato Inter e Ju­ve). Gli ottimi rapporti tra i due massimi di­rigenti lasciano presuppone un accordo sen­za intoppi. Anche sull’even­tuale contropartita tecnica non ci sarebbe problema. Al­l’Udinese non piace soltanto il giovanissimo Giuseppe Ju­liano, anche Maiello, Sepe, nonché Izzo, quest’ultimo di­fensore di belle speranze. Inler, alla ricerca di nuovi stimoli, sarebbe il centro­campista ad hoc per il gioco di Mazzarri: sa agire in un centrocampo a tre, così come in uno a due, sa contrastare ed impostare, ed inoltre è abile anche sulle palle inatti­ve. Insomma, un investimen­to importante che conferme­rebbe le intenzioni di De Laurentiis di voler proseguire nel suo pro­getto di crescita costante e graduale.
Corrieredellosport

Indietro
Avanti