15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

“Tutti in campo”: Napoli-Juventus

0 Commenti

Dopo tanta attesa, il grande giorno è arrivato. La sfida delle sfide è di scena al San Paolo, gli azzurri, alla ricerca di un pronto riscatto dopo la debacle di San Siro, ospitano la Juventus, anch’essa in crisi di gioco e risultati dopo il pesante ko interno con il Parma.
Tante assenze in casa bianconera, con il tecnico Delneri costretto a fare a meno di Iaquinta, Melo e dell’ex Quagliarella (per lui, stagione finita, ndr). In porta, nonostante qualche acciacco, arrivano conferme per Storari, favorito su Manninger. In difesa, Grygera e Grosso saranno gli esterni, con il rientrante Bonucci a far coppia, al centro, con Chiellini. A centrocampo, Marchisio torna al suo ruolo naturale al fianco di Aquilani, con Krasic a destra e Pepe a sinistra. In avanti, assieme a Del Piero, probabile staffetta tra Toni ed Amauri, con il neo-acquisto bianconero favorito sull’oriundo per un posto da titolare.
Squadra al completo invece per Walter Mazzarri, che si affida al solito 3-4-2-1. In porta De Sanctis, trio difensivo composto da Campagnaro, Cannavaro e Grava. A centrocampo, conferme per Dossena e Maggio sugli esterni, mentre, al centro, assieme a Pazienza potrebbe esserci Yebda anziché Gargano, tutto dipenderà dalla condizione atletica dell’uruguaiano. In avanti, solito trio delle meraviglie con Lavezzi, Hamsik e Cavani.
Con il pubblico delle grandi occasioni al seguito, il Napoli punterà ad imprimere fin da subito il proprio ritmo, alzando il pressing nella fase di non possesso ed affidandosi alla fantasia di Lavezzi ed Hamsik per creare i maggiori pericoli alla retroguardia juventina. In fase passiva sarà fondamentale contenere le sortite sulle corsie esterne: lavoro extra dunque per Hamsik e Lavezzi che dovranno dare man forte al reparto di centrocampo per spegnere le incursioni di Pepe, ma soprattutto del serbo Krasic, pericolo numero uno per la retroguardia partenopea. Se Gargano recupererà la forma migliore sarà proprio lui a sostenere Dossena in fase passiva, magari con Lavezzi sempre pronto, in fase attiva, ad agire lungo quella corsia, costringendo così Krasic a ripiegare con maggior costanza. Occhio anche alle incursioni di Aquilani, bravo nei tiri da fuori, sul quale però, oltre a Pazienza, agirà anche Cavani con le sue manovre di disturbo.
L’assenza di Quagliarella peserà sotto il profilo dell’imprevedibilità in attacco: sia Amauri che Toni sono infatti punte statiche, bravi però a far valere il proprio fisico nel gioco di sponda. Entrambi, seppur a fasi alterne, saranno braccati da Cannavaro, con Grava invece chiamato a contrastare le sortire di capitan Del Piero.
Come per l’Inter, anche gli juventini dimostrano una certa abilità nel gioco aereo: Bonucci, Chiellini oltre ai soliti noti Toni, Del Piero ed Aquilani sanno come creare scompiglio in area quando c’è da battere un tiro franco a favore.
Arbitro dell’incontro il Signor Emidio Morganti della sezione di Ascoli Piceno. Assistenti di linea Faverano e Stefani. Quarto uomo Tagliavento. Fischio d’inizio alle 20:45.
Francesco Auricchio

Indietro
Avanti