15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

"Tutti in Campo": Napoli-Inter

3 Commenti

Ancora poche ore, e poi si va in scena. Il San Paolo torna protagonista per una delle gare più belle ed entusiasmanti dell’intero tabellone di coppa Italia. Gli azzurri sfidano l’Inter, i campioni del mondo che, dopo il pesante ko di Udine, hanno tutta l’intenzione di ripartire col piede pigiato sull’acceleratore e strappare così una qualificazione verso un obiettivo dichiarato da parte del club nerazzurro.
Una sfida epica insomma, che rievoca nella mente di tutti i supporters di fede partenopea un piacevole ricordo, lontano quattordici anni: era il Napoli di “Batman” Taglialatela, di Ciccio Colonnese, di Beto e Andrè Cruz, che strappò una storica finale di coppa superando i rivali nerazzurri ai calci di rigore.
Un piacevole precedente che i tifosi già sognano di poter rivivere, magari con minore sofferenza, così da ribadire a chiare lettere chi è e quali traguardi può raggiungere questo Napoli.
Con il sostegno dei leggendari sessantamila, Mazzarri punterà tutto sui suoi “titolarissimi” per vendicare il ko della Befana, e portare a casa il pass per le semifinali: in porta ci sarà De Sanctis, difesa a tre con Campagnaro, Cannavaro ed Aronica. A centrocampo, unico dubbio per Dossena, in via di recupero dallo stato influenzale, per il resto conferme per Maggio a destra, e per la coppia centrale Pazienza-Gargano. In avanti, solito tridente: Hamsik, Lavezzi e Cavani per scardinare la difesa milanese.
Diverse assenze per Leonardo, che dovrà fare a meno di Milito, oltre ai soliti noi, Snejder, Samuel, Coutinho e Julio Cesar. Davanti a Castellazzi, difesa a quattro composta da Maicon, Ranocchia, Cordoba e Chivu, quest’ultimo, non al meglio della condizione. A centrocampo, ritorno da titolare per Mariga al fianco di Cambiasso e Stankovic; in avanti, Biabiany e Pandev a supporto dell’unica punta, Samuel Eto’o.
Ritmo ed equilibrio saranno le chiavi di volta per portare a casa la qualificazione: l’Inter, in virtù di una maggiore fisicità, potrebbe, come ad Udine, soffrire il pressing asfissiante degli azzurri a partire dal tridente offensivo. Hamsik e Lavezzi partiranno da posizioni molto larghe, per tenere a bada Maicon e Chivu, costringendoli così più a difendere che ad offendere. Stesso discorso per Maggio e Dossena, che dovranno dare man forte al pacchetto arretrato, coprendo sulle eventuali incursioni di Pandev da una parte e Biabiany dall’altra. In mezzo al campo, altra sfida nella sfida, con Gargano e Pazienza chiamati a non concedere troppo spazio tra le linee, per limitare il più possibile gli inserimenti di Cambiasso e Stankovic. In avanti, tiene banco il duello tra i due bomber, Cavani ed Eto’o, protagonisti assoluti in campionato che proveranno a lasciare il segno anche in coppa.
Da tenere d’occhio anche i calci piazzati, un po’ per gli ottimi tiratori militanti tra le fila nerazzurre, un po’ per le grandi doti di elevazione ed inserimento di gente come Ranocchia, Cordoba e Cambiasso, bravi tanto a difendere quanto a creare grattacapi nelle aree avversarie.
Dirigerà l’incontro il Signor Paolo Valeri della sezione di Roma, coadiuvato dagli assistenti di linea Banchi e Iannello. Quarto uomo Celi. Fischio d’inizio alle 20:45.
Francesco Auricchio

Indietro
Avanti