15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

GIULIETTA IPNOTIZZA IL CIUCCIO

0 Commenti

Il mese di Febbraio si apre nel medesimo modo del mese di Gennaio, con una sconfitta dura e meritata, speriamo che anche il prosieguo sia simile.
Verona, un territorio da sempre avverso ai colori partenopei, non si smentisce in questo freddo turno infrasettimanale che avrebbe potuto consacrare gli azzurri come l’anti-Milan e soprattutto affondare le radici nel podio della classifica, ed invece non ha fatto altro che consegnare virtualmente il tricolore ai diavoli e riaprire più che mai la corsa alle posizioni che contano.
In realtà il match al Bentegodi non c’è mai stato ed hanno goduto solo e solamente i colori giallo-blu.
Gli azzurri non erano neanche i lontani parenti di quelli che abbiamo potuto apprezzare solo 3 gg fa.
Sul manto, in parte erboso e anche sconnesso, veronese è apparso un Napoli senza mordente, senza voglia, annichilito dal pressing asfissiante clivense, ma soprattutto è venuta a mancare la tanto decantata intensità lasciando spazio a quell’orrendo spettacolo, che agli occhi di un ignaro osservatore sarebbe stato ovvio che la seconda in classifica fossero i giallo-blu, mentre ad annaspare nei bassi fondi fosse la squadra di scuro vestita.
La sensazione è quella che la gara sarebbe potuta durare anche 24 ore, ma che gli azzurri non si sarebbero  mai riusciti a rendere pericolosi dalle parti del portiere del Chievo, mentre il passivo di 2 reti potrebbe anche essere generoso nei confronti azzurri date le grandi opportunità avute per arrotondare in contropiede nella seconda metà del 2°T, ma sciupate.
Data la pochezza generale offerta dai partenopei risulta difficile persino trovare il peggiore in campo e quindi come spesso avviene  in tali occasioni il condottiero deve ergersi a capro espiatorio di tutti i mali per difendere il proprio gruppo.
Si potrebbe dire che Mazzarri ha sbagliato la formazione impiegando Zuniga come vice-Lavezzi e dimostrandosi troppo rinunciatari, ha sbagliato i cambi inserendo dal 1’del 2°T Lucarelli e non Dumitru, non ha preparato correttamente la sfida visto l’atteggiamento del gruppo fin dai primi secondi, ma in realtà l’analisi deve mettere le basi in ragionamenti più profondi.
Partendo da una fredda analisi dei numeri delle sole prestazioni infrasettimanali degli azzurri si può facilmente osservare che il…Clicca qui per continuare a leggere
Iannucci Antonio dal blog di www.fantapazz.com

Indietro
Avanti