15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Roma-Napoli le pagelle di tifonapoli

2 Commenti

Dopo 18 anni il Napoli torna ad espugnare l’Olimpico di Roma e non si può più nascondere: ormai è in piena lotta per lo scudetto. Gli azzurri giocano una partita maschia, a tratti molto nervosa non subendo praticamente mai la manovra della Roma. Vittoria netta, risultato all’inglese grazie ad un Cavani semplicemente straordinario
DE SANCTIS: bravo e sempre attento nelle uscite alte. Ha il grande merito di compiere una grandissima parata su una insidiosa conclusione dalla distanza di Menez. VOTO 6,5
CAMPAGNARO
: duro, maschio come sempre. Lotta come un leone e non disdegna qualche sortita offensiva di ottima caratura. Dalle sue parti non si passa. VOTO 6,5
CANNAVARO
: la solita gara condotta con grande stile, eleganza ma soprattutto forza d’urto, quella che un difensore da Nazionale deve avere. Suo il perfetto cross sul quale il Matador Cavani chiude la partita. VOTO 7
ARONICA
: sembra che a volte non regga sotto lo spirito del nervosismo le gare più importanti ma alla fine la ragione è dalla sua parte. La Roma sul lato sinistro non punge e grande è il merito del difensore siciliano. VOTO 6,5
MAGGIO
:  è in condizioni fisiche strepitose per cui nè il pur veloce Riise nè Cassetti riescono a frenarne la corsa. Ha il merito di conquistare diversi tiri dalla bandierina con incursioni supersoniche e nel primo tempo va un paio di volte vicino al gol. VOTO 7
GARGANO
: sembra che l’Olimpico, meglio la Roma, gli porti fortuna. Non segna come fece qualche anno fa in un pirotecnico 4-4, commette ancora qualche errore in fase di appoggio ma gioca una partita di grande determinazione vincendo nettamente il duello con i dirimpettai giallorossi. VOTO 7
PAZIENZA
: svolge un lavoro sporco, quasi oscuro, ma lo fa con grande diligenza e precisione. Senza tanti problemi e fronzoli, infatti, rompe il gioco della Roma nella fase cruciale e copre benissimo la zona centrale del campo. Meriterebbe la Nazionale. VOTO 6,5
DOSSENA:
troppo nervoso, viene ammonito e rischia in più di un’occasione l’espulsione. Le condizioni mentali non ottimali non gli consentono la spinta che Mazzarri vorrebbe da lui. Decisamente al di sotto dei suoi standard. VOTO 5,5
HAMSIK
: nessuno come lui riesce a trovare gli spazi giusti per inserirsi dalla metà campo in su e testimonianza lo è l’ottima diagonale con la quale si procura un rigore sacrosanto. Esce tra gli applausi degli oltre 6000 napoletani. VOTO 7
LAVEZZI
: non inizia bene, quasi mai riesce a trovare lo spunto giusto ed il suo primo tempo è fatto soprattutto di screzi con Cassetti. Nella ripresa, invece, splendido il corridoio con cui trova Hamsik poi steso in area e geniale il tocco di testa con cui parte l’azione del secondo gol. Cuore di Napoli. VOTO 7
CAVANI
: da queste parti un attaccante così non si vedeva da oltre un ventennio. Trasforma in oro tutto quello che tocca, porta in alto il suo Napoli e vola sempre più in testa alla classifica cannonieri. Gioca senza mai risparmiarsi, con la consueta umiltà ed una classe infinita. Semplicemente maestoso. VOTO 8
All. MAZZARRI: voleva la partita perfetta ed almeno nel risultato l’ha avuta. Riesce a spronare i suoi uomini che entrano in campo con la giusta mentalità e grinta da vendere. S’incavola quando la sua squadra cerca di addormentare la partita e sbaglia qualcosa in fase di impostazione. Non vede la qualità di gioco del solito Napoli ma ci creda mister va benissimo così. Finalmente il suo Napoli è fatale e concreto. VOTO 8,5
Entrati nella ripresa MASCARA 6: inserito per addormentare la partita, ci riesce bene
YEBDA 6: corre, lotta e recupera molti palloni preziosi
ZUNIGA 6,5: è in forma, dialoga benissimo con Lavezzi e solo per qualche centimetro è in fuorigioco quando serve un pallone teso in area di rigore che Cassetti mette alle spalle del suo portiere.
FRANCESCO BIONDI

Indietro
Avanti