15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

CdS: Simeone, Catania col 4-1-5 Cavani mi ricorda Kempes

1 Commento

l tecnico sfida Mazzarri: «Al San Paolo possiamo vincere. Sarà una partita complicata ma la mia squadra ora è serena»
CATANIA, 16 febbraio – Una sfida impegnativa, quasi proibitiva, almeno a vedere la classifica. Diego Simeone, tecnico del Catania, da calciatore queste sfide le adorava. Da guerriero quale era, il cholo avrebbe gettato anima e cuore oltre l’ostacolo per riuscire a fermare la corsa scudetto del Napoli di Mazzarri e, soprattutto, Cavani: «Edinson mi ricorda Mario Kempes», ha detto il tecnico del club etneo a proposito del bomber del campionato, avversario domenica prossima al San Paolo. Un paragone, quello con Kempes – indimenticabile attaccante dell’Argentina mondiale del ’78 – dettato da ragioni squisitamente tecniche: «Cavani è un fuoriclasse e se devo paragonarlo a qualcuno dico che per movenze somiglia molto a Kempes».
«POSSIAMO BATTERE IL NAPOLI» – Cavani a parte, la sfida con il Napoli sarà molto complicata: «Contro di loro non è vero che tutto ciò che otterremo sarà di guadagnato. Voglio che i miei ragazzi vadano al San Paolo a giocarsi la partita a viso aperto per portare a casa il bottino pieno». Simeone chiede i tre punti, quindi. «Sarà una partita tirata sino alla fine e affrontiamo un avversario che in questo momento è più in forma di tutti. Servirà la massima concentrazione dal primo all’ultimo minuto perchè loro hanno giocatori che possono punirti in qualsiasi momento». L’arma migliore potrebbe essere la serenità che «finalmente si respira nello spogliatoio», soprattutto dopo la sofferta vittoria contro il Lecce della scorsa settimana.
«GIOCHEREMO CON IL 4-1-5» – Simeone lancia la sua provocazione: «Giocheremo col 4-1-5: attaccheremo tutti e difenderemo tutti», le parole dell’argentino, riprese dal sito calciocatania.com. «So che c’è pessimismo quando il Catania va in trasferta ma vi posso garantire che abbiamo le nostre armi per giocare a viso aperto e per portare a casa i tre punti». Firmato il Cholo. Corriere dello Sport

Indietro
Avanti