15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

UN LAVEZZI STRARIPANTE DOMA UN PARMA VERSIONE DR. JEKYLL E MR.HIDE

0 Commenti

In alcune situazioni bisogna scegliere cosa sia giusto fare e prendere la decisione migliore possibile per proseguire sulla strada del proprio cammino nella ricerca dell’obiettivo che ci si è prefissati.
Gli azzurri scesi in campo, nella piovosa serata del Tardini, sembrano spaesati e colti di sorpresa dalla veemente partenza dei ducali, che incuranti ed irrispettosi dell’avversario che si trovano di fronte, si riversano in avanti asfissiando gli azzurri con un pressing a tutto campo e stringendoli a difesa della propria sedici metri.
Marino è stato buon profeta, in settimana, nel prevedere una gara d’attacco per cercare la rete, e nel caso questa sarebbe arrivata la gara si sarebbe potuta mettere bene per loro sui binari del contropiede.
In realtà è andato tutto come previsto tranne per l’ultima parte. La rete per gli emiliani è arrivata, ma nel momento in cui si sono chiusi è salito in cattedra il rientrante Pocho, che più Loco che mai, ha preso per mano i compagni di squadra e con i sui sprint ripetuti ha demolito la difesa avversaria.
Le vicende che hanno portato il giudice sportivo a squalificare oltre a Dossena, portando nuovamente a sinistra Zuniga, anche Aronica, hanno permesso di ammirare un ottimo Ruiz dal primo minuto che ha tenuto bene dalle sue parti sfoggiando buone doti anche in fase d’impostazione.
Chi sembra un po’ a corto di condizione atletica è colui che fino ad ora ha scritto per 20 volte il suo nome nello score, il Matador, ma l’importante è che quando qualcuno cala di condizione c’è qualche altro compagno al top che riesce a sopperirne le mancanze.
Ieri, alcune vicissitudini personali, invece, mi hanno portato a non poter vedere la gara dei nostri beneamini e sono stato costretto ad ascoltarla per radio. La radio che da sempre, da prima che subentrassero le varie pay tv, ci ha sempre fatto vivere le partite con la fantasia immaginandola dalle parole del radiocronista di turno. Si sa che, comunque, per quanto il radiocronista possa essere bravo e superpartes, filtra ciò che vede a seconda del suo pensiero ed è per questo che oggi chiedo a voi lettori di raccontarmi quello che avete visto ieri sera…
Clicca qui per continuare a leggere su fantapazz
Iannucci Antonio dal blog di www.fantapazz.com

Indietro
Avanti