15 49.0138 8.38624 1 1 4000 1 https://www.tifonapoli.it 300 0
theme-sticky-logo-alt
theme-logo-alt

Ecco Osimhen, ma poi…

0 Commenti

Victor Osimhen si può fregiare di essere l’acquisto più caro della storia del Napoli. Certo con i vlori del calcio moderno non è certo paragonabile ai cannonieri azzurri del passato come Jepson, Altafini,Careca, Giordano o altri, ma i 70 milioni lordi sborsati da De LAurentiis (in comode rate) sono un bel gruzzolo. Il ragazzo è già da tempo considerato l’astro nascente del calcio Nigeriano e, dopo un’avventura poco fortunata al Wolfsburg nel 2017, approda allo Charleroi dove mette a segno 20 goal in 36 partite ed infine al Lille, dove con 18 reti e 6 assist in Ligue 1, diventa la vera rivelazione del campionato Francese 19/20. Un vero portento che può risolvere il deficit realizzativo riscontrato quest’ano dalla squadra azzurra, priva di un bomber di razza.

Resta da sistemare Milik, che i ben informati considerano quasi approdato alla Juve, anche se ci sarebbe da chiedersi quale utilità possa avere il polacco in una rosa formidabile come quella bianconera, con Insigne e Mertens ormai collaudati, con Petagna in arrivo e l’oggetto misterioso Lozano, pare che il reparto offensivo sia apposto. Con il centrocampo puntellato a Gennaio grazie gli arrivi di Demme e Lobotka, resta da risolvere l’annosa questione legata agli esterni. Ghoulam è ormai l’ombra di se stesso e Malcuit è reduce da un grave infortunio, Mario Rui e Hysaj avranno sicuramente bisogno di ricambi. Tra i più accreditati ci sono Santiago Arias dell’Atletico Madrid e Louis Enrique, il primo è un terzino destro di 28 anni spesso relegato in panchina (solo 14 presenze per lui nella stagione 19/20); mentre il secondo è un esterno offensivo molto giovane di proprietà del Botafogo.

Stiamo a vederre dunque, si ha la sensazione che la prossima stagione sarà di transizione per gli azzurri, un vero banco di prova per Rino Gattuso che non ha mai gestito in carriera una rosa di queto valore. La vera scommessa sarà lui, vedremo se sarà capace di tirare fuori il massimo dai giocatori a disposizione come i suoi predecessori.

Indietro
Avanti