Dall’immaginazione alla realtà

Filed under: Esclusive |

sorteggio_championsDando il la a quella che può essere l’immaginazione, si scopre che il confine è solo un limite che lo status di essere terreno impone, ma che la mente, con le sue capacità di viaggiare oltre ogni dimensione, rinchiude in una parola e semplice definizione, tanto da non curarsene ed andare oltre.
Quando la mente si libera, quindi, della prigione umana raggiunge lo stato etereo di invincibile, inavvicinabile, inarrivabile che consente di assaporare momenti di pura onnipotenza.

È questa la sensazione che oggi si trovano ad assaporare i tifosi partenopei, una coltre di invincibilità che protegge ogni gesto dopo aver goduto delle gesta del Matador che prima stordisce, poi trafigge ed infine finisce un avversario in cerca di identità, che, presentatosi a Napoli non come vittima sacrificale non può che soccombere sotto i colpi ben assestati dal capocannoniere della serie A.

I numeri sono quanto mai la conferma di quella crescita continua. L’obiettivo di ieri era raggiungere quota 100 in azzurro partendo da 98, ma ne fa 101 a 14 da Maradona con il record stagionale già eguagliato di 35 reti.

L’Inter si presenta a Fuorigrotta completamente spuntata con tanti mediani offensivi per non dare punti di riferimento, ed in realtà la tattica sembra a tratti ripagare, ma si sa, nel calcio è difficile improvvisare, e soprattutto nel calcio di oggi, dove sono i dettagli a fare la differenza è ancora più improbabile inventarsi una squadra dalla sera alla mattina.

Nonostante il gioco, nonostante il risultato, nonostante il Matador gli azzurri hanno offerto una prestazione altalenante, ed anche, se pur vero che ogni volta che gli azzurri si gettavano come dei pirana sulla preda in fase offensiva con una Pandev in versione delux ed Hamsik pronto ad illuminare, è anche vero che lì dietro, in 3, non avendo nessuno da marcare, si vedevano un po’ spaesati e non con le idee chiarissime su chi dovesse fare cosa.

Alla fine il netto risultato di 3-1 è il giusto epilogo che solo un paio di interventi di De Sanctis ed un super Handanovic, con la complicità di un po’ di imprecisione azzurra , non hanno reso il risultato ancora più roboante sotto tutti i punti di vista.

La situazione di classifica è sempre la stessa con una Juventus a 11 punti e con ormai il titolo matematicamente conquistato, ed il Milan ad inseguire a 7 punti.
In realtà un verdetto per il Napoli è arrivato: con la Fiorentina 4° in classifica a 11 lunghezze si può festeggiare il matematico ingresso in Champions. Il doppio pareggio negli scontri contro i rosso neri e la differenza reti totale tra le 2 compagini a +11 per i partenopei regalano una certa tranquillità nel pensare che 2 punti negli ultimi 3 incontri stagionali possano regalare la matematica per il 2° posto e quindi l’ingresso dalla porta principale in Europa, comportando introiti finanziari non indifferenti e la possibilità di godersi le vacanze, organizzare il mercato con calma e programmare la preparazione precampionato nei tempi giusti senza dover anticipare niente per quella che sarà una durissima stagione.

Il calendario prevede ora il turno infrasettimanale di fine campionato e quindi già Mercoledì, in quel di Bologna, con appuntamento alle 20:45, si potrebbe festeggiare quello che per i partenopei significherebbe lo scudetto, un secondo posto tanto cercato quanto meritato in quanto ampiamente dimostrato di essere la formazione più forte della stagione che volge al termine fatta eccezione solo per la prima in graduatoria.

Antonio Iannucci dal miglior sito per il tuo fantacalcio gratis www.fantapazz.com

Altre Notizie